Come Acquistare Legalmente un Chilo di MDMA Pura

Rispondi
Guest.01

Come Acquistare Legalmente un Chilo di MDMA Pura

Messaggio da Guest.01 » mer nov 25, 2015 11:16 am

http://motherboard.vice.com/it/read/com ... -mdma-pura

Dentro un anonimo edifico di una tranquilla cittadina del Massachusetts c’è circa un chilo di MDMA in polvere pura al 99.9 percento. È abbastanza MD per far smascellare almeno 10.000 persone.

La sostanza appartiene alla Multidisciplinary Association for Psychedelic Studies (da ora MAPS), una organizzazione di ricerca senza scopo di lucro che fa esattamente ciò che il suo nome descrive: studia i potenziali benefici clinici delle sostanze psichedeliche. Il MAPS ha già lavorato con l’LSD, l’ayahuasca, e anche l’ibogaina, ma al momento l’oggetto di ricerca è l’MDMA; studiata come sostanza da sfruttare nelle sessioni di psicoterapia per disordine da stress post-traumatico.

Sfortunatamente, MAPS non può fare granché con quel carico di MDMA. Per passare alla fase tre dei suoi test terapeutici nel 2017, il Food and Drug Administration richiede che l’MDMA venga certificata sotto il protocollo Good Manufacturing Practices (GMP), certificazione che quel carico non possiede. Ciò significa che serve un nuovo chilo di MDMA.

Ottenere della droga illegalmente è semplice—spesso basta mandare un messaggio. Ma acquisirne una tale quantità, per di più certificata GMP come 99 percento pura, in maniera legale? È un lungo viaggio nel labirinto delle normative, delle supervisioni e della burocrazia.

Tutto inizia chiedendo gentilmente al governo se è possibile acquistare degli psichedelici.

Step uno: ottenere i permessi

“È importante ricordarsi che non si tratta di sostanze illegali quando vengono utilizzate in ambiti di ricerca,” ha spiegato il Dr. John Halpern, uno psichiatra di Harvard che ha studiato gli effetti del peyote e dell’LSD. Ha notato che la differenza tra una sostanza di Categoria 1 (come l’LSD) e una di Categoria 2 (come l’ossicodone) consiste solamente nel fatto che la seconda viene utilizzata in ambito medico. “Altrimenti non ci sarebbero differenze: sono ugualmente pericolose,” ha detto.

Ma la piccola differenza è che fare ricerca su sostanze di Categoria 1 richiede qualche stratagemma in più non richiesto da altre sostanze. Il primo passo è redigere un protocollo per lo studio: un piano sul come i ricercatori pensano di condurre la loro ricerca. Questo protocollo viene valutato da un team di review istituzionale, un gruppo indipendente che verifica tutti gli esperimenti che coinvolgono esseri umani. Se uno studio coinvolge una sostanza di Categoria I, una volta che il team giudica il protocollo etico, i ricercatori devono candidarsi presso l’FDA per un investigational new drug number (IND).

“In base alla sostanza, può essere più o meno semplice ottenere l’IND,” spiega Halpern.

Questo perché la candidatura prevede che i ricercatori redigano un documento sommario sulla sostanza: un dossier omnicomprensivo su tutto ciò che è stato mai pubblicato riguardo quella sostanza, dalla sua composizione chimica fino ai fattori di rischio conosciuti. Se è la prima volta che quella sostanza viene studiata, si tratta di un processo piuttosto impegnativo: i documenti di questo tipo di solito consistono di centinaia di pagine. Fortunatamente per il MAPS, l’FDA è già in possesso di un documento simile per l’MDMA, inviato dal MAPS nel 1896 e aggiornato di anno in anno.

La candidatura richiede anche l’inclusione di una brochure di ricerca, che descrive i dettagli del processo di studio: non solo quanta sostanza verrà usata, ma anche perché e con quali metodi di assunzione. Negli esperimenti del MAPS, i ricercatori hanno somministrato MDMA a dei pazienti affetti da sindrome da stress post-traumatico prima di guidarli in una sessione di psicoterapia—hanno scoperto che la sostanza aiutava i pazienti a relazionarsi meglio col loro trauma e a scoprirne la vera origine senza doverlo rivivere in maniera viscerale—un processo che sarebbe terrificante e pericoloso senza l’MDMA. Il MAPS deve quindi includere questi dettagli sulla terapia nella loro brochure di ricerca. Dopo aver inviato la candidatura, l’FDA decide se la ricerca potrebbe essere di interesse pubblico o meno. Se lo studio sembra valido, ottieni finalmente il tuo numero IND.



A differenza di queste pastiglie di ecstasy da strada, il MAPS acquista MDMA certificata pura al 99.9 percento. Immagine: WikiMedia Commons
Questi step sono necessari per ogni tipo di esperimento con sostanze che coinvolga gli esseri umani, ma la ricerca con sostanze di Categoria I prevede ulteriori requisiti minimi per essere approvata dalla Drug Enforcement Administration (DEA). I medici possono somministrare sostanze di Categoria II, III, IV e V, ma non di Categoria I. Per farlo, devono ottenere un permesso speciale dalla DEA, e lo possono fare solamente nel contesto specifico dello studio, spiega Halpern.

Nel caso del MAPS, il medico coinvolto è il Dr. Michael Mithoefer, uno psichiatra di Charleston, in North Carolina, che lavora nell’ambito della terapia con MDMA da più di dieci anni. Mithoefer è già in possesso del permesso per sostanze di Categoria I, e questo permesso significa che solamente lui può legalmente somministrare la sostanza ai pazienti. Per ottenere il permesso la DEA richiede un’ispezione della fedina penale, una sopralluogo nella clinica dove verrà effettuata la terapia e nei luoghi dove la sostanza verrà conservata. Questi requisiti hanno trasformato l’ufficio di Mithoefer in un vero e proprio caveau.

“Dobbiamo avere una cassaforte da 900 chili, deve essere allarmata, e le porte della stanza in cui si trova la cassaforte devono essere a loro volta allarmate, e non dimentichiamoci dell’edificio intero, anch’esso allarmato,” spiega Amy Emerson, direttore esecutivo e direttore della ricerca clinica presso il MAPS.

Una volta esaurita la parte burocratica e aver creato un ufficio a prova di 007, si è pronti per ricevere il primo carico. Ovviamente il MAPS non può fare uno squillo al Walter White dell’MDMA e richiedere un chilo di sostanza purissima. Il governo ha un magazzino di sostanze disponibili per la ricerca, il cui accesso è limitato agli scienziati che studiano gli effetti e i rischi delle sostanze stesse, ma non i loro benefici. Fortunatamente, c’è ancora una compagnia farmaceutica disponibile alla produzione legale di sostanza.

Step due: una ricetta per l’MD

Da qualche parte nelle campagne inglesi, vicino alle coste del Mare del Nord, c’è una compagnia farmaceutica pagata per produrre l’MDMA richiesta dal MAPS. Un esperto dell’azienda è stato ben felice di parlarmene, ma abbiamo dovuto oscurare alcuni dettagli, come il nome e la sede dell’azienda e il nome della persona che ho intervistato. Quando stai per produrre un chilo di MDMA di qualità eccezionalmente alta vuoi prendere qualche precauzione, in effetti.

“Potrebbe attrrare troppe attenzioni,” mi ha spiegato la mia fonte.

L’azienda—chiamiamola Azienda X—non produrrà pastiglie di MDMA. Non è la stessa ecstasy che compri fuori da una discoteca. L’Azienda X produrrà il principio attivo (active pharmaceutical ingredient, l’API), la forma polverizzata e pura al 99 percento della sostanza. Proprio come una pastiglia di Tylenol non è parecetamolo puro, allo stesso modo una pastiglia di ecstasy non è MDMA pura. Ci sono dei tagli e dei leganti (e nel caso la comprassi per strada, tutta una serie di altri ingredienti) usati per rendere la pastiglia facilmente ingeribile.



L’MDMA nella sua forma polverizzata. Immagine: WikiMedia Commons
La “ricetta” base per produrre l’MDMA è disponibile nei manuali di chimica: schemi di reazione che permettono ai chimici delle aziende di sapere quali ingredienti combinare e in che modo per creare quella determinata molecola. Infatti, queste informazioni base si possono trovare con una semplice ricerca su Google. Ma per creare dell’MDMA capace di rispondere ai criteri GMP, l’azienda deve fare qualcosa in più della “ricetta base”.

Se provassi a produrre MDMA per la prima volta, anche seguendo attentamente la “ricetta”, il rendimento e la qualità della sostanza sarebbe molto più basso di quelli richiesti dal MAPS: un chilo di MDMA il più pura possibile, idealmente, il 99.5 percento o più. E non è semplice perché questi dettagli non possono essere inclusi negli schemi di reazioni, quindi è necessario tempo per raffinare le tecniche e i metodi, mi ha spiegato la fonte. Fortunatamente ci sono altre aziende con esperienza nel campo e che sono disponibili a condividere la loro conoscenza, a un prezzo, quindi il MAPS ha acquistato queste “ricette aggiornate,” fornendo all’Azienda X tutto il necessario per produrre dell’MDMA purissima.

Quando una procedura è certificata GMP, significa che ogni passaggio della produzione di una sostanza, dalla struttura che produce gli elementi chimici al processo di confezionamento finale, si basa su norme rigide dimostrabili, che garantiscono la sicurezza del prodotto finale. Sono necessarie una documentazione meticolosa e la supervisione da parte di chi produce la sostanza. Si potrebbe presentare un ispettore con la pretesa di controllare qualcosa di davvero specifico, come la procedura per pulire un beaker prima di riempirlo di un composto chimico, secondo l’Azienda X. È un impegno molto preciso. Ma questa precisione implica non solo il fatto che il nuovo chilo di MDMA del MAPS sarà puro e sicuro, ma anche che ogni partita successiva sarà identica a questa.

Vengono prese svariate misure di sicurezza anche in questa fase del procedimento: L’Azienda X dispone già di una licenza per gestire le droghe pesanti, ma doveva anche soddisfare certi requisiti per poter detenere gli ingredienti grezzi con cui produrre MDMA. L’Azienda X ha dovuto dimostrare che la propria struttura fosse fornita di sistemi di sicurezza e che tenesse informato il governo del Regno Unito sui prodotti dell’azienda, sulla loro destinazione e scopo. E dato che l’MDMA deve passare i confini degli Stati Uniti, l’azienda aveva bisogno di un permesso speciale del FDA e della DEA per spedirla anche negli Stati Uniti.

Al momento, l’Azienda X sta cercando di determinare la produzione GMP di MDMA facendo tentativi con piccoli lotti. Una volta che il prodotto soddisferà tutti i requisiti, l’azienda produrrà il chilo da inviare al MAPS nel giro del prossimo anno.

Ma anche quando l’ MDMA raggiunge il MAPS, per farla arrivare nelle mani—e nella testa—dei pazienti bisogna saltare un altro paio di cerchi infuocati.

Fase Tre: Dosaggio


Nonostante i livelli di sicurezza e la cassaforte-cripta imbottita di ecstasy, la clinica del MAPS dove si tengono gli esperimenti con l’MDMA è un posto senza pretese. Non è un laboratorio freddo e sterile: le stanze ricordano più un enorme ospizio, con sedie imbottite, carta da parati neutra e dipinti sereni. Durante una sessione tipo, un paziente affetto da PTSD assume una dose di ecstasy (senza sapere granché a riguardo), si siede e aspetta che salga la botta. È un processo profondamente intimo, il trip permette al paziente di riesaminare un evento traumatico conservato tra i propri ricordi, con gli psichedelici a fare da cuscinetto. Una sessione, che dura diverse ore e prevede il ricovero in clinica per una notte, passa dalla terapia guidata alla riflessione placida. Fa tutto parte di un processo mirato a guarire ferite psichiche profonde, con l’aiuto dell’MDMA.


Questa quantità di principio attivo di MDMA (ricordatevi, stiamo parlando di polvere pura) non può essere conservata tutta nell’ufficio di Mithoefer. (Parliamo davvero di tanta ecstasy). Al momento, il MAPS affida l’MDMA a un’azienda chiamata Organix—l’anonimo edificio in Massachussetts—che ha una licenza per conservare e spedire la droga in polvere pura. Ma per somministrarla ai pazienti, è meglio averla in pillole. Qualsiasi sostanza in polvere è scomoda e difficile da distribuire tra i pazienti con precisione, e la precisione è fondamentale nella ricerca scientifica. La dose di MDMA data ai pazienti affetti da PTSD nello studio condotto al MAPS—in fasi precedenti le dosi erano da 30, 75 e 125 milligrammi, a seconda del paziente—deve essere compressa e incapsulata in una pillola facile da scartare.

Emerson mi ha raccontato che il MAPS è alla ricerca di un’azienda che possa confezionare le dosi di MDMA per lo studio, ma nel frattempo i ricercatori hanno trovato un sistema per aggirare il problema. Quando è il momento di condurre un esperimento, il MAPS ordina una piccola quantità della polvere pura dal magazzino dell’Organix, che—alla faccia delle complesse misure di sicurezza preventive—alla fine spedisce l’MDMA in una cara e vecchia scatola di cartone, direttamente all’ufficio di Mithoefer. Là, deve essere prelevata da Mithoefer in persona per essere immediatamente nascosta nella cassaforte da 900 kg.

È qui che le cose si complicano. Anche se Mithoefer ha una licenza per somministrare l’MDMA, non può confezionarla personalmente, quindi un farmacista deve andare in ufficio da lui per fare le pillole. Dato che il MAPS fa esperimenti in cieco, neanche Mithoefer può sapere quale dose viene data a quale paziente. Ma la sua licenza gli vieta di lasciare la stanza quando l’MDMA non è sotto chiave. Così il MAPS ha dovuto trovare un modo per mettere un farmacista a trasformare la polvere in pillole, con Mithoefer presente nella stanza, ma all’oscuro della quantità di polvere inserita in ogni pillola.

La soluzione a questo grattacapo è, in realtà, piuttosto semplice: il farmacista segue le istruzioni specifiche fornite dal MAPS per creare le dosi con Mithoefer nella stanza, ma restando nascosto alla vista da un tramezzo di cartone, ha spiegato Emerson. Dato che finora le sedute sperimentali sono state contenute, il processo ha funzionato bene, ma Emerson ha detto che se il MAPS vuole iniziare esperimenti più costosi, avrà bisogno di una struttura che possa pre-confezionare tutte le dosi in anticipo.

Con le dosi confezionate ed etichettate dal farmacista, Mithoefer può finalmente somministrarne una a un paziente e iniziare la terapia.

L’Obiettivo Finale

Anche se i protocolli necessari per condurre questo tipo di ricerca hanno un’aria complessa, nessuna delle persone con cui ho parlato e che ha dovuto aderire a queste norme ha espresso il minimo fastidio a riguardo.

“Possono volerci diversi mesi alle volte per arrivare in fondo al processo, ma non credo che i ricercatori possano allontanarsi dagli studi sulle droghe pesanti per colpa dei protocolli, non se hanno davvero passione per quello che fanno,” mi ha detto Halpern.

La gente al MAPS è senza alcun dubbio appassionata. Hanno investito circa 30 anni e stanziato circa 20 milioni di dollari di lavoro per far sì che l’MDMA diventi un farmaco prescrivibile approvato dall’FDA entro il 2021. Se questo traguardo sarà raggiunto, medici e scienziati avranno molti meno cerchi infuocati da attraversare per ottenere MDMA per scopi sperimentali, o per aiutare i pazienti che, a loro avviso, potrebbero giovare della terapia con trip assistito. Per il momento, i cerchi infuocati restano e i ricercatori sono pronti ad attraversarli, se significa poter approfondire la nostra conoscenza in fatto di sostanze che aprono la mente.

-------------------------------------------------------------------------------

Altra ricerca e sperimentazione in USA paese notoriamente "moltochiuso" a queste cose.
Forse è un buon segnale!
Le cosa stanno cambiando direzione pian piano...
Qualcosa si muove nel mondo scientifico.
E tra 100 anni.... noi su questo forum saremo ricordati come DEI PIONERI DELLA MEDICINA! :asd:
Sempre detto io!!
NEL FUTURO PRIMA! :asd:

Adamas.ego

https://www.cbdpassion.it/cannabis-shop/

Triptaminico
Messaggi: 686
Iscritto il: lun set 28, 2015 7:34 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da Triptaminico » mer nov 25, 2015 5:35 pm

Grazie della condivisione. :D
"Quando ricorderai chi sei, riderai di ciò che credevi di essere"

Gnomo Cosmico
Messaggi: 313
Iscritto il: gio set 24, 2015 3:23 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da Gnomo Cosmico » mar dic 01, 2015 10:47 am

interessantissimo....

aggiungo una cosa collegata indirettamente con questo...

Entrando nell'undeground delle feste in svizzera, nei giri piu costosi e chiusi, tipicamente svizzeri, con il giusto backround, le giuste raccomandazioni e una serie di eventualità casuali, si può arrivare a procurarsi LSD di qualità farmaceutica prodotto nei laboratori di zurigo e commercializzato solo per veri amatori. Un pubblico selezionatissimo...


La qualità di questa sostanza non ha assolutamente niente a che vedere con i trip da strada. Nei trip di strada sono presenti ancora molte impurità, sostanza attive che non sono acido, che provocano fastidi intestinali, rush fisici, sensazioni fisiche forti. L'acido farmaceutico è totalmente privo di effetti fisici, molto, molto psichedelico, e anche la tolleranza è meno marcata dell'acido di strada. Quando l'effetto finisce ci si sente molto meglio di prima di prenderlo, e senza stanchezza. Nessun problema a prendere sonno quando l'effetto è finito, niente strascichi di nessun tipo nei giorni seguenti...

Per ottenere una sostfanza cosi di qualità ci vogliono laboratori seri, chimici con grande esperienza e una produzione che punta alla qualità e non alla quantità...

Se veramente si potesse avere accesso a droghe di qualità farmaceutica ci sarebbero molti meno problemi legati alle droghe. Sono sicuro che la maggior parte dei farmaci da banco hanno molti piu effetti collaterali dell'acido farmaceutico, e probabilmente molti analgesici come la mesulid sono piu pericolosi dell'MD descritta nell'articolo....


Grazie della condivisione, molto interessante!
I miei messaggi sono a puro scopo informativo e di riduzione del danno. Sconsiglio l'assunzione di qualsiasi sostanza psicoattiva a chiunque. Non rispondo ai messaggi privati

Avatar utente
Aioe
Messaggi: 608
Iscritto il: dom set 27, 2015 4:22 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da Aioe » mar dic 01, 2015 2:03 pm

Domanda rapida mentre mi annoio ad un convegno: ma quali impurità possono esserci in 100 microgrammi di peso?
Cioè finché assumi un trip ancora potrebbe essere che il francobollo contenga anche altro. Ma in una goccia od in una micropunta che ci può entrare?

Avatar utente
CloneXY
Messaggi: 1073
Iscritto il: dom set 13, 2015 12:25 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da CloneXY » mar dic 01, 2015 2:55 pm

Potrebbe anche esserci lsd :paranoid:
λάϑε βιώσας
https://t.me/DrogaNews

Gnomo Cosmico
Messaggi: 313
Iscritto il: gio set 24, 2015 3:23 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da Gnomo Cosmico » mer dic 02, 2015 12:23 pm

Aioe ha scritto:Domanda rapida mentre mi annoio ad un convegno: ma quali impurità possono esserci in 100 microgrammi di peso?
Cioè finché assumi un trip ancora potrebbe essere che il francobollo contenga anche altro. Ma in una goccia od in una micropunta che ci può entrare?
allora da come ho capito l'acido lisergico si sintezzita partendo dall'ergot, un fungo tossico che infesta i cereali. L'ergot contiene moltissime sostanze attive che danno effetti molto forti e pericolosi.

Tutte le fasi della sintesi sono molto delicate e ci sono vari passaggi di purificazione che vanno ripetuti varie volte, con calma e con tecnica.

Ovviamente nella produzione di droghe per il mercato nero il primo interesse è il profitto, non certo la salute dei consumatori, quindi possono esserci acidi piu o meno "sporchi".

Nel gergo underground si parla di cristallo bianco e cristallo nero, anche se magari c'è un sacco di leggenda metropolitana resta il fatto che ci siano acidi piu "puliti" di altri. Alcune volte si possono avere lievi disturbi intestinali, altre volte il rush fisico è piu forte con la famosa "sudata" iniziale...

Le impurità sono cosi poche che non c'è un vero e proprio rischio per la salute, però anche quantità minuscole influiscono sull'effetto finale....

Uno svizzero mi ha detto che arrivati all'ultimo step c'è da fare i passaggi di purificazione varie volte, con metodo, e con calma, fino ad arrivare ad un prodotto di qualità farmaceutica.

Alcuni vecchi psiconauti mi hanno detto che negli anni 90 ci fu un'inondazione di acidi potentissimi e sporchissimi, che secondo loro hanno fatto "impazzire" un sacco di gente... E' un po esagerata come affermazione, ma in ogni leggenda c'è un fondo di verità....
I miei messaggi sono a puro scopo informativo e di riduzione del danno. Sconsiglio l'assunzione di qualsiasi sostanza psicoattiva a chiunque. Non rispondo ai messaggi privati

Avatar utente
Aioe
Messaggi: 608
Iscritto il: dom set 27, 2015 4:22 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da Aioe » mer dic 02, 2015 2:20 pm

Gnomo Cosmico ha scritto:intestinali, altre volte il rush fisico è piu forte con la famosa "sudata" iniziale...
la cosa che mi sembra strana è che se anche le impurità fossero il 20% del peso, parliamo di 20 microgrammi ogni 100. Sono 15 microgrammi su un trip da 80, 30 su una goccia da 150. Tu hai notizia di sostanze con una dose attiva così bassa?
Alcuni vecchi psiconauti mi hanno detto che negli anni 90 ci fu un'inondazione di acidi potentissimi e sporchissimi, che secondo loro hanno fatto "impazzire" un sacco di gente... .
confermo. Erano i trip artigianali che giravano in ambiente frea ed in certi csoak. Pure gli hoffman a doppia goccia che giravano a roma erano intorno ai 200 microgrammi. Era abbastanza semplice, allora, procurarsi micropunte.
Molta gente c'è finita in clinica perché molti non sapevano cosa fossero finché non li ingoiavano la prima volta. Abituati ai trip da discoteca, 70/80 microgrammi, pure presi a quartini, ingoiavano mezzo di quello poi ci restavano sotto.

Gnomo Cosmico
Messaggi: 313
Iscritto il: gio set 24, 2015 3:23 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da Gnomo Cosmico » ven dic 04, 2015 8:27 pm

guarda non ho nessun modo per confermare scientificamente quello che ho scritto... Rientrano nelle leggende metropolitane con un fondo di verità, al lettore l'ultima parola... :)
I miei messaggi sono a puro scopo informativo e di riduzione del danno. Sconsiglio l'assunzione di qualsiasi sostanza psicoattiva a chiunque. Non rispondo ai messaggi privati

Avatar utente
BlueFire
Messaggi: 564
Iscritto il: sab set 12, 2015 11:14 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da BlueFire » mer mar 23, 2016 6:58 pm

Ho capito cosa voglio fare della mia vita.
L'azienda X, quella che produce sostanze (non per forza tabellate immagino) di altissima qualità, con permessi speciali è spesso tutto questo aiuta il progresso medico e la ricerca. Poi immagino che quei chimici non siano esattamente sottopagati, cosa che ha la sua importanza...
Un sogno che soddisfa l'angolo illuminista della mia mente: diffusione della conoscenza e comprensione della realtà!

Se prima avevo solo vaghe idee, adesso ho un obbiettivo.
Grazie per la condivisione :')

Ultimo Edit, giuro:
Poi volete mettere, parlando con una tipa?
"Che lavoro fai?"
"Lavoro come chimico, ma non posso rivelare dettagli..."
Dai, ha il suo cazzutissimo perché!
Se la terra è sopravvissuta ai cianobatteri e al loro ossigeno, sopravviverà anche a noi. Il punto è semplicemente quanto noi ci renderemo difficile sopravvivere.

Avatar utente
BlindFaith
Messaggi: 1494
Iscritto il: mar set 15, 2015 9:22 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da BlindFaith » gio mar 24, 2016 7:33 am

BlueFire ha scritto:
Ultimo Edit, giuro:
Poi volete mettere, parlando con una tipa?
"Che lavoro fai?"
"Lavoro come chimico, ma non posso rivelare dettagli..."
Dai, ha il suo cazzutissimo perché!
Si blue cadranno tutte ai tuoi piedi :) e se così non fosse produrrai una molecola che glielo farà fare :D quindi on ogni caso ti va di lusso!
"Pronto, Barbarella! Sei una tipica terricola femmina??" (cit. SuBuRbAsS)

"You don't possess me, don't impress me, just upset my mind. Can't instruct me or conduct me, just use up my time."
(King Crimson)

Avatar utente
BlueFire
Messaggi: 564
Iscritto il: sab set 12, 2015 11:14 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da BlueFire » gio mar 24, 2016 2:42 pm

BlindFaith ha scritto:
BlueFire ha scritto:
Ultimo Edit, giuro:
Poi volete mettere, parlando con una tipa?
"Che lavoro fai?"
"Lavoro come chimico, ma non posso rivelare dettagli..."
Dai, ha il suo cazzutissimo perché!
Si blue cadranno tutte ai tuoi piedi :) e se così non fosse produrrai una molecola che glielo farà fare :D quindi on ogni caso ti va di lusso!
Hahahahahahaha! Beh, in caso superi tutti i controlli ne avrei al 99.9%: se proprio andasse male opterei per andare ad abbracciare gente a caso coi pupilloni...
Se la terra è sopravvissuta ai cianobatteri e al loro ossigeno, sopravviverà anche a noi. Il punto è semplicemente quanto noi ci renderemo difficile sopravvivere.

Avatar utente
b404
Messaggi: 34
Iscritto il: dom mar 27, 2016 9:15 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da b404 » lun mar 28, 2016 4:01 pm

Quando ho letto pura al 99.9% mi si sono dilatate le pupille e ho iniziato a smasciellare ahaha
Ma è davvero possibile avere una tale purezza? (non nel senso di trovarla ma proprio di crearla)

Avatar utente
BlueFire
Messaggi: 564
Iscritto il: sab set 12, 2015 11:14 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da BlueFire » lun mar 28, 2016 4:58 pm

b404 ha scritto:Quando ho letto pura al 99.9% mi si sono dilatate le pupille e ho iniziato a smasciellare ahaha
Ma è davvero possibile avere una tale purezza? (non nel senso di trovarla ma proprio di crearla)
Con il metodo giusto, un sufficiente numero di tentativi e l'attrezzatura adeguata è possibile raggiungere una purezza del genere per praticamente qualsiasi prodotto di sintesi.
In fondo, alla fine si tratta di purificare abbastanza ;)
Se la terra è sopravvissuta ai cianobatteri e al loro ossigeno, sopravviverà anche a noi. Il punto è semplicemente quanto noi ci renderemo difficile sopravvivere.

Avatar utente
b404
Messaggi: 34
Iscritto il: dom mar 27, 2016 9:15 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da b404 » lun mar 28, 2016 5:04 pm

BlueFire ha scritto:
b404 ha scritto:Quando ho letto pura al 99.9% mi si sono dilatate le pupille e ho iniziato a smasciellare ahaha
Ma è davvero possibile avere una tale purezza? (non nel senso di trovarla ma proprio di crearla)
Con il metodo giusto, un sufficiente numero di tentativi e l'attrezzatura adeguata è possibile raggiungere una purezza del genere per praticamente qualsiasi prodotto di sintesi.
In fondo, alla fine si tratta di purificare abbastanza ;)
Mamma mia mi viene duro solo a pensarci, io il massimo di purezza che ho provato è stato sugli 80/85% e già quella spaccava i culi come non mai.
Immagino una purezza praticamente al massimo...

Avatar utente
BlueFire
Messaggi: 564
Iscritto il: sab set 12, 2015 11:14 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da BlueFire » lun mar 28, 2016 5:22 pm

b404 ha scritto:
BlueFire ha scritto:
b404 ha scritto:Quando ho letto pura al 99.9% mi si sono dilatate le pupille e ho iniziato a smasciellare ahaha
Ma è davvero possibile avere una tale purezza? (non nel senso di trovarla ma proprio di crearla)
Con il metodo giusto, un sufficiente numero di tentativi e l'attrezzatura adeguata è possibile raggiungere una purezza del genere per praticamente qualsiasi prodotto di sintesi.
In fondo, alla fine si tratta di purificare abbastanza ;)
Mamma mia mi viene duro solo a pensarci, io il massimo di purezza che ho provato è stato sugli 80/85% e già quella spaccava i culi come non mai.
Immagino una purezza praticamente al massimo...
Volendo potresti raggiungere senza troppi problemi un prodotto puro anche al 90% facendo qualche lavaggio con acetone... Non sarà 99.9%, ma è comunque una discreta purezza...
Se la terra è sopravvissuta ai cianobatteri e al loro ossigeno, sopravviverà anche a noi. Il punto è semplicemente quanto noi ci renderemo difficile sopravvivere.

Avatar utente
b404
Messaggi: 34
Iscritto il: dom mar 27, 2016 9:15 pm

Re: Come acquistare legalmente un chilo di MDMA pura

Messaggio da b404 » lun mar 28, 2016 11:32 pm

Eh lo sò soltanto che è un po' un casino da fare per quel 5% in più ne faccio anche a meno, anche se sarei tentato a provare un bel 90% di purezza eheh
Alla fine un 80/85 non è poi cos' male, è molto buona e non smascelli per nulla, se non esageri ovviamente.

Rispondi