Effetti Sgradevoli o Indesiderati Cannabis

Avatar utente
Samsara
Messaggi: 197
Iscritto il: gio set 24, 2015 9:45 pm

Re: Strane sensazioni

Messaggio da Samsara » lun mar 28, 2016 5:43 pm

eterodosso ha scritto:Sensazioni di estraniamento dalla realtà ne ho avute, nei periodi in cui esageravo un po', e un po' a lungo. Ma di "lontananza dal proprio corpo", come la descrivi tu, proprio no.
È la differenza tra depersonalizzazione (la sua) e derealizzazione (la tua). Ora non so a che livello le abbiate avute, se solo come sensazioni, o se come problema più serio, ma nel secondo caso può essere parecchio brutto. Sono due cose diverse ma sono facce della stessa medaglia, e non sono da sottovalutare.
Secondo me quando si avverte qualcosa di simile si dovrebbe smettere, anche di colpo (parliamo di erba mica di eroina) ce la si può fare con un po' di forza di volontà a smettere per un certo periodo e ad osservare se ci sono cambiamenti.

https://www.visionecurativa.it/

Avatar utente
eterodosso
Messaggi: 57
Iscritto il: sab nov 28, 2015 7:16 pm

Re: Strane sensazioni

Messaggio da eterodosso » lun mar 28, 2016 9:39 pm

Samsara ha scritto:
eterodosso ha scritto:Sensazioni di estraniamento dalla realtà ne ho avute, nei periodi in cui esageravo un po', e un po' a lungo. Ma di "lontananza dal proprio corpo", come la descrivi tu, proprio no.
È la differenza tra depersonalizzazione (la sua) e derealizzazione (la tua). Ora non so a che livello le abbiate avute, se solo come sensazioni...
A parte l'arco temporale, nel mio caso (parliamo di circa 30 anni fa, le cose, nel frattempo, hanno preso pieghe diverse; e lo stop ci fu, ma fu una scelta obbligata [non sto a scendere in lunghi dettagli autobiografici]), fu solo una sensazione, e piuttosto "classica", direi (sa di autoassoluzione?).
Provo a spiegarmi meglio. A me, la cannabis, fa un effetto molto introspettivo. E quando passi gran parte della giornata in questo stato, un certo grado di dissociazione, inevitabilmente, si manifesta. Ti trovi a pensare, osservando dall'interno (che, in questo caso, si pone all'esterno) la realtà circostante: "Ma cosa ho a che fare, io (ovvero, la mia essenza più profonda o, perlomeno, quella che al momento percepisco come tale) con tutto questo? E' davvero sufficiente il fatto di doverci forzosamente vivere in mezzo a giustificare un mio adattamento a questo stato di cose in cui non mi riconosco se non in minima (quando va bene) parte?".
Secondo me, non sono domande "psicotiche". Sarà che me lo chiedo anche ora, ogni mattina, quando vado, obtorto collo, a sprecare 8 (minimo) ore della mia vita in un lavoro che, soprattutto per le modalità con cui sono costretto a svolgerlo, sento come profondamente altro da me e, quindi, sommamente inappagante.
Questo per quanto mi riguarda. Per quanto riguarda, invece, Mister Hyde, penso anch'io (come gli ho detto) che, forse, la cosa sia un po' più da riconsiderare, e che (sempre forse) potrebbe essere il caso che stoppi un po' le sue esperienze, tanto per far riemergere quel Dr. Jekill che sta, ormai, sotto scacco da un po'.

Avatar utente
Er Maschio
Messaggi: 92
Iscritto il: mar feb 09, 2016 4:24 pm

Erba tagliata ?

Messaggio da Er Maschio » mar mar 29, 2016 3:25 pm

Bella a tutti ragazzi, un mio amico un po' di tempo fa è entrato in possesso di questa erba dagli strani effetti. Quello che gliela ha data era una persona abbastanza affidabile, con poche conoscenze, che non dovrebbe avere roba tagliata.
Fatto sta che questa erba aveva un effetto potentissimo, abbastanza dissociativo. Il corpo era abbastanza "anestetizzato" e c'era bisogno di molto impegno per compiere anche le azioni più basilari, come per esempio camminare. mentalmente ero molto confuso e spesso dopo aver detto una cosa mi veniva il dubbio se l'avevo detta veramente oppure solo pensata. si presentavano strane sensazioni di loop riguardo le strade appena percorse ed allucinazioni tattili. Per esempio quando mi sono toccato il dente con la lingua avevo l'impressione che questa si fosse allungata un metro e quando mettevo le mani nelle tasche sentivo le braccia lunghissime e dovevo fare centro nella tasca perchè la sentivo piccolissima e distante.
Ad occhi chiusi se mi concentravo vedevo immagini buffe, divertenti e semicolorate che "zoomavano" verso di me. La lingua era un po' intorpidita, era difficile tradurre un pensiero in parole e questa sensazione, unita alla dissociazione fisica ed i viaggioni mentali, rendeva l'effetto abbastanza dissociativo. Fame chimica pochissima. Inoltre nelle ultime fasi sono dovuto correre al bagno a causa di un fastidioso attacco di pancia. Non avevo usato alcol.
l'effetto è durato 10 ore buone con conseguente spossatezza durante il giorno seguente :sfatto:

Ora la mia domanda è: siccome il mio "amico" fuma da diverso tempo, ha abbastanza resistenza all'erba e non gli è mai successa una cosa come questa (tra l'altro con abbastanza pochi tiri di un purino), è possibile che l'erba fosse tagliata con qualcosa ? Se si avete delle ipotesi su cosa potrebbe essere ? Oppure a cosa potrebbero essere dovuti questi strani effetti ?

Grazie in anticipo.
Stay trippy :weed:
Fuori dal gregge ti narro storie tristi di chi sogna il sole ma campa in un'eclissi

TUTTO QUELLO CHE DICO È PURAMENTE FRUTTO DI FANTASIA

Avatar utente
Inìgo
Messaggi: 323
Iscritto il: lun dic 21, 2015 9:44 pm

Re: Erba tagliata ?

Messaggio da Inìgo » mar mar 29, 2016 5:26 pm

Non so in quale misura l'erba possa essere "tagliata" né con quali sostanze. L'esperienza che riporti sembra uno di quei viaggioni che capitano le prime volte che si fuma un prodotto di qualità, sopratutto se non si è molto abituati, anche se non sembra essere il caso del tuo amico. Magari ha fumato dopo un periodo di astinenza, oppure poco tempo prima aveva assunto qualche sostanza più marcatamente allucinogena che anche a distanza ha "colorato" gli effetti dell'erba (non so se sia possibile). Potrebbe anche essere stata colpa di qualche cibo che ha predisposto la sua mente a percepire e ad amplificare gli effetti dell'erba (es. caffè o spezie, ma anche qua tiro ad indovinare ;)

Avatar utente
Er Maschio
Messaggi: 92
Iscritto il: mar feb 09, 2016 4:24 pm

Re: Erba tagliata ?

Messaggio da Er Maschio » mar mar 29, 2016 9:59 pm

Inìgo ha scritto:Non so in quale misura l'erba possa essere "tagliata" né con quali sostanze. L'esperienza che riporti sembra uno di quei viaggioni che capitano le prime volte che si fuma un prodotto di qualità, sopratutto se non si è molto abituati, anche se non sembra essere il caso del tuo amico. Magari ha fumato dopo un periodo di astinenza, oppure poco tempo prima aveva assunto qualche sostanza più marcatamente allucinogena che anche a distanza ha "colorato" gli effetti dell'erba (non so se sia possibile). Potrebbe anche essere stata colpa di qualche cibo che ha predisposto la sua mente a percepire e ad amplificare gli effetti dell'erba (es. caffè o spezie, ma anche qua tiro ad indovinare ;)
Penso che riguardo al cibo tu abbia ragione. Infatti prima durante e dopo ho mangiato parecchia cioccolata fondente. Potrebbe aver funzionato da MAO inibitore ?
Senza contare un paio di energy drink che ho bevuto durante la discesa.
Fuori dal gregge ti narro storie tristi di chi sogna il sole ma campa in un'eclissi

TUTTO QUELLO CHE DICO È PURAMENTE FRUTTO DI FANTASIA

Avatar utente
b404
Messaggi: 34
Iscritto il: dom mar 27, 2016 9:15 pm

Re: Erba tagliata ?

Messaggio da b404 » mar mar 29, 2016 10:40 pm

A me sembra che tu abbia descritto una quasi esperienza da allucinogeno, senza contare che è durato 10 ore wtf
A occhio chiusi può capitare ma tu descrivi anche a occhi aperti allucinazioni tattili, il che mi sembra starno anche se fosse ganja davvero buona.

Io ti consiglierei di chiedere a chi te l'ha data se sà cosa c'era su, potrebbe essere che ci sia stata un po di PCP che se non sbaglio anche fumata mantiene gli effetti allucinogeni, sennò non saprei proprio...

Avatar utente
Er Maschio
Messaggi: 92
Iscritto il: mar feb 09, 2016 4:24 pm

Re: Erba tagliata ?

Messaggio da Er Maschio » mer mar 30, 2016 12:03 am

b404 ha scritto:A me sembra che tu abbia descritto una quasi esperienza da allucinogeno, senza contare che è durato 10 ore wtf
A occhio chiusi può capitare ma tu descrivi anche a occhi aperti allucinazioni tattili, il che mi sembra starno anche se fosse ganja davvero buona.

Io ti consiglierei di chiedere a chi te l'ha data se sà cosa c'era su, potrebbe essere che ci sia stata un po di PCP che se non sbaglio anche fumata mantiene gli effetti allucinogeni, sennò non saprei proprio...
Anche a me l'unica sostanza che mi viene in mente in questo caso è il PCP ma credo che di questi tempi sia quasi impossibile trovare l'erba con la polvere d'angelo :? Boh :?
Fuori dal gregge ti narro storie tristi di chi sogna il sole ma campa in un'eclissi

TUTTO QUELLO CHE DICO È PURAMENTE FRUTTO DI FANTASIA

Avatar utente
b404
Messaggi: 34
Iscritto il: dom mar 27, 2016 9:15 pm

Re: Erba tagliata ?

Messaggio da b404 » mer mar 30, 2016 12:36 am

Purtroppo o per fortuna sembrerebbe l'unica soluzione fattibile... o perlomeno l'unica di cui sono a conoscenza che fumata non perde l'effetto.

Avatar utente
LevelTheTwelve
Messaggi: 15
Iscritto il: dom feb 21, 2016 9:09 pm

Re: Erba tagliata ?

Messaggio da LevelTheTwelve » mer mar 30, 2016 7:13 pm

Anche a me è capitato più volte di provare erba diciamo un po' strana. Molte volte ho avvertito effetti simili ai tuoi. Una cosa che è quasi sempre ricorrente quando mi capita di provare erba così sono le distorsioni percettive. Quando mi mettevo le mani nel giubbotto me le sentivo parte integranti di me stesso, come se fossi un robot costruito così, composto da un blocco unico. Per quanto riguarda il dimenticarsi le azioni mi è capitato davvero poche volte, ma quando succedeva non avevo la minima idea se quello che avevo fatto era reale o no. Sensazioni davvero strane.

Avatar utente
Samsara
Messaggi: 197
Iscritto il: gio set 24, 2015 9:45 pm

Re: Erba tagliata ?

Messaggio da Samsara » mer mar 30, 2016 8:20 pm

A me è capitata una cosa simile in combo con un quartino. Fatto sta che ora a volte quando fumo mi ritornano gli effetti anche se in misura minore, e ho capito che non è una sostanza da sottovalutare.
Riguardo al taglio mi sembra impossibile se non controsensato (nell'ottica dello spacciatore) usare come sostanza da taglio un allucinogeno, mi ricorda tanto la bufala dell'erba tagliata con ketamina/eroina a seconda della versione.
Io lo vedrei più come un mega viaggione provocato da un'erba di qualità (che quando è forte è forte) e da condizioni di set setting particolari.
A proposito era proprio erba o fumo?

Avatar utente
Cittino
Messaggi: 174
Iscritto il: gio ott 08, 2015 3:44 pm

Re: Erba tagliata ?

Messaggio da Cittino » mer mar 30, 2016 11:46 pm

Samsara ha scritto:A me è capitata una cosa simile in combo con un quartino. Fatto sta che ora a volte quando fumo mi ritornano gli effetti anche se in misura minore, e ho capito che non è una sostanza da sottovalutare.
Riguardo al taglio mi sembra impossibile se non controsensato (nell'ottica dello spacciatore) usare come sostanza da taglio un allucinogeno, mi ricorda tanto la bufala dell'erba tagliata con ketamina/eroina a seconda della versione.
Io lo vedrei più come un mega viaggione provocato da un'erba di qualità (che quando è forte è forte) e da condizioni di set setting particolari.
A proposito era proprio erba o fumo?
è importante sapere se ha avuto precedenti esperienze psichedeliche che possano aver indirettamente amplificato la ganja! A me negli ultimi periodi, facendone un uso non frequente ma di qualità, l'effetto varia spesso a seconda di molte cose, tipo umore, se ho consumato altre droghe i giorni prima, ma comunque in generale mi piglia stra forte.
Quella dell'erba tagliata è andata in onda anche alle Iene... :roll:

Avatar utente
astraldream
Messaggi: 1383
Iscritto il: gio set 17, 2015 11:16 pm

Re: Erba tagliata ?

Messaggio da astraldream » gio mar 31, 2016 1:09 am

Quoto l'idea che siano state esperienze passate con psichedelici in combo con erba di qualità ad aver dato questo effetto...
Da fumatore incallito ti posso assicurare che mi sono stupito di quanto vengano potenziati gli effetti dell'erba anche il giorno dopo aver preso una qualsiasi triptamina (con la mesca invece ho notato un "alleggerirsi" degli effetti, anche con md) e questo "potenziamento " dura parecchio tempo. ..ed è pronto a saltare fuori quando meno te lo aspetti :)
L'idea di "sacro" è così limitante...così poco libera da dogmi...da essere poco sacra...la cosa più sacra dovrebbe essere la libertà non i dogmi...

Avatar utente
Er Maschio
Messaggi: 92
Iscritto il: mar feb 09, 2016 4:24 pm

Re: Erba tagliata ?

Messaggio da Er Maschio » gio mar 31, 2016 12:41 pm

Samsara ha scritto:A me è capitata una cosa simile in combo con un quartino. Fatto sta che ora a volte quando fumo mi ritornano gli effetti anche se in misura minore, e ho capito che non è una sostanza da sottovalutare.
Riguardo al taglio mi sembra impossibile se non controsensato (nell'ottica dello spacciatore) usare come sostanza da taglio un allucinogeno, mi ricorda tanto la bufala dell'erba tagliata con ketamina/eroina a seconda della versione.
Io lo vedrei più come un mega viaggione provocato da un'erba di qualità (che quando è forte è forte) e da condizioni di set setting particolari.
A proposito era proprio erba o fumo?
Era erba e a dirla tutta anche di bell aspetto!
Il set e il setting non erano dei migliori...
L'amico con cui viaggio di solito mi ha dato buca all'ultimo e quindi ho fumato con un altro amico che manco a farlo apposta appena salito l'effetto mi ha fatto camminare per 2 chilometri al freddo per andare a prendere altri due. :cry:
Però credo che anche se il setting fosse stato mogliore sarei rimasto dissociato ugualmente :sfatto:
Fuori dal gregge ti narro storie tristi di chi sogna il sole ma campa in un'eclissi

TUTTO QUELLO CHE DICO È PURAMENTE FRUTTO DI FANTASIA

Avatar utente
Er Maschio
Messaggi: 92
Iscritto il: mar feb 09, 2016 4:24 pm

Re: Erba tagliata ?

Messaggio da Er Maschio » gio mar 31, 2016 12:46 pm

astraldream ha scritto:Quoto l'idea che siano state esperienze passate con psichedelici in combo con erba di qualità ad aver dato questo effetto...
Da fumatore incallito ti posso assicurare che mi sono stupito di quanto vengano potenziati gli effetti dell'erba anche il giorno dopo aver preso una qualsiasi triptamina (con la mesca invece ho notato un "alleggerirsi" degli effetti, anche con md) e questo "potenziamento " dura parecchio tempo. ..ed è pronto a saltare fuori quando meno te lo aspetti :)
Non credo possa essere dovuto a qualche altra sostanza perchè sono un paio di mesi che assumo solo erba.
Comunque prima durante e dopo il viaggio mi sono abbuffato di cioccolata e coca cola + 1 energy drink; potrebbero avermi predisposto in un certo modo ?
Fuori dal gregge ti narro storie tristi di chi sogna il sole ma campa in un'eclissi

TUTTO QUELLO CHE DICO È PURAMENTE FRUTTO DI FANTASIA

bonzo21
Messaggi: 589
Iscritto il: lun set 21, 2015 2:52 pm

Re: Erba tagliata ?

Messaggio da bonzo21 » gio mar 31, 2016 3:15 pm

la caffeina personalmente mi rende il viaggio più mentale con molti più pensieri ecc..
Per il resto per esperienza personale ho capito che l'erba è una signora sostanza e se è buona ti fa viaggiare parecchio, unico dubbio è la durata un po' eccessiva.

Avatar utente
Samsara
Messaggi: 197
Iscritto il: gio set 24, 2015 9:45 pm

Re: Strane sensazioni

Messaggio da Samsara » gio mar 31, 2016 4:03 pm

eterodosso ha scritto:Ti trovi a pensare, osservando dall'interno (che, in questo caso, si pone all'esterno) la realtà circostante: "Ma cosa ho a che fare, io (ovvero, la mia essenza più profonda o, perlomeno, quella che al momento percepisco come tale) con tutto questo? E' davvero sufficiente il fatto di doverci forzosamente vivere in mezzo a giustificare un mio adattamento a questo stato di cose in cui non mi riconosco se non in minima (quando va bene) parte?".
Secondo me, non sono domande "psicotiche". Sarà che me lo chiedo anche ora, ogni mattina, quando vado, obtorto collo, a sprecare 8 (minimo) ore della mia vita in un lavoro che, soprattutto per le modalità con cui sono costretto a svolgerlo, sento come profondamente altro da me e, quindi, sommamente inappagante.
Bella analisi! Ti capisco bene

Avatar utente
MENE
Messaggi: 475
Iscritto il: mar set 15, 2015 8:26 am

Re: Strane sensazioni

Messaggio da MENE » ven apr 01, 2016 8:16 am

eterodosso ha scritto: Provo a spiegarmi meglio. A me, la cannabis, fa un effetto molto introspettivo. E quando passi gran parte della giornata in questo stato, un certo grado di dissociazione, inevitabilmente, si manifesta. Ti trovi a pensare, osservando dall'interno (che, in questo caso, si pone all'esterno) la realtà circostante: "Ma cosa ho a che fare, io (ovvero, la mia essenza più profonda o, perlomeno, quella che al momento percepisco come tale) con tutto questo? E' davvero sufficiente il fatto di doverci forzosamente vivere in mezzo a giustificare un mio adattamento a questo stato di cose in cui non mi riconosco se non in minima (quando va bene) parte?".
Secondo me, non sono domande "psicotiche". Sarà che me lo chiedo anche ora, ogni mattina, quando vado, obtorto collo, a sprecare 8 (minimo) ore della mia vita in un lavoro che, soprattutto per le modalità con cui sono costretto a svolgerlo, sento come profondamente altro da me e, quindi, sommamente inappagante.
Questo per quanto mi riguarda. Per quanto riguarda, invece, Mister Hyde, penso anch'io (come gli ho detto) che, forse, la cosa sia un po' più da riconsiderare, e che (sempre forse) potrebbe essere il caso che stoppi un po' le sue esperienze, tanto per far riemergere quel Dr. Jekill che sta, ormai, sotto scacco da un po'.
Hai descritto nel dettaglio i miei ultimi mesi afflitti da questi pensieri, ultimamente più del solito.
Mi consolo solamente avendo la consapevolezza che continuerò a partecipare a tutto questo teatrino solo temporaneamente, ovvero finchè non avrò un piccolo gruzzolo da parte che mi permetta di cercare una vita migliore o semplicemente più semplice perchè mi sono accorto che l'unico modo per adattarsi e non pensare a queste cose è smettere di pensare e far diventare ogni giornata una serie di movimenti automatici alimentati solo dalla rassegnazione. E così non mi sta affatto bene. Non è vero che ci si abitua, si è sempre più stanchi, punto.
E' brutto sentirsi fuori luogo nel posto dove si è nati.
A tanti piace continuare a sentirsi un grande pesce in un piccolo stagno, tutto è facile, scontato, monotono e ripetitivo. Preferisco essere un piccolo pesce nell'oceano che uno grande in un piccolo acquario. Anche perchè si sta tentando di trattenere il pesce in un acquario più piccolo di lui. E' ovvio che poi qualcosa si rompe.
Un conto è accettare come vanno le cose, un altro è rassegnarsi. E la seconda non va bene.
Poi ho notato che tanti smettono di fumare erba proprio perchè notano tutte ste cose e si stufano di notarle di continuo. Da un lato hanno anche ragione.

Avatar utente
eterodosso
Messaggi: 57
Iscritto il: sab nov 28, 2015 7:16 pm

Re: Strane sensazioni

Messaggio da eterodosso » ven apr 01, 2016 10:57 pm

MENE ha scritto:Mi consolo solamente avendo la consapevolezza che continuerò a partecipare a tutto questo teatrino solo temporaneamente...
A me stanno consolando queste citazioni e condivisioni. A volte ho avuto il dubbio, soprattutto confrontandomi con gli altri abitanti dell'ambiente circostante, di essere la classica "bestia rara".
MENE ha scritto:Non è vero che ci si abitua, si è sempre più stanchi, punto.
Non posso che darti ragione.
MENE ha scritto:E' brutto sentirsi fuori luogo nel posto dove si è nati.
Se è per questo, mi considero apolide già da tempo...
MENE ha scritto:A tanti piace continuare a sentirsi un grande pesce in un piccolo stagno, tutto è facile, scontato, monotono e ripetitivo. Preferisco essere un piccolo pesce nell'oceano che uno grande in un piccolo acquario. Anche perchè si sta tentando di trattenere il pesce in un acquario più piccolo di lui.
Sto per sperimentare (e grazie a mia moglie, l'idea è venuta a lei, una gran bella idea) una soluzione alternativa: l'allargamento dell'acquario. Avevamo pensato di passare una settimana/dieci giorni in Grecia, normale turismo. Poi, l'idea: visto che abbiamo (anche) un Fiorino, perché non riempirlo di roba utile carpita alla Caritas (troppo lungo spiegare come possano riuscirci due agnostici) e non aggregarci ad una "spedizione di volontariato", organizzata da centri sociali ed altre associazioni, per portarla al campo profughi di Idomeni, stare qualche giorno lì a dare una mano, poi (visto che non abbiamo specializzazioni che ci renderebbero particolarmente utili, e non siamo neanche santi, né sùbito, né dopo) fare un giretto da turisti, per dare un modesto contributo, coi nostri euro, alla bistrattata economia greca?
Saranno gocce nel mare, ma un mare, senza gocce che lo alimentano, si riduce ad una pozzanghera.
E sarà, probabilmente, e paradossalmente, un'esperienza più utile a me che a loro, dal momento che prevedo un impatto mentale/interiore notevole, non fosse altro che per lo spiazzamento dei propri abituali meccanismi cerebrali che deriva, immancabilmente, dal contatto con altre realtà, interiori o esteriori (come in questo caso) che siano.
Un uso psichedelico della realtà, insomma (altro quasi paradosso).

E se non sono andato OT stavolta, vuol dire che non ci riuscirò mai più.

Avatar utente
Cittino
Messaggi: 174
Iscritto il: gio ott 08, 2015 3:44 pm

Re: Strane sensazioni

Messaggio da Cittino » sab apr 02, 2016 12:38 am

eterodosso ha scritto:
MENE ha scritto:Mi consolo solamente avendo la consapevolezza che continuerò a partecipare a tutto questo teatrino solo temporaneamente...
A me stanno consolando queste citazioni e condivisioni. A volte ho avuto il dubbio, soprattutto confrontandomi con gli altri abitanti dell'ambiente circostante, di essere la classica "bestia rara".
MENE ha scritto:Non è vero che ci si abitua, si è sempre più stanchi, punto.
Non posso che darti ragione.
MENE ha scritto:E' brutto sentirsi fuori luogo nel posto dove si è nati.
Se è per questo, mi considero apolide già da tempo...
MENE ha scritto:A tanti piace continuare a sentirsi un grande pesce in un piccolo stagno, tutto è facile, scontato, monotono e ripetitivo. Preferisco essere un piccolo pesce nell'oceano che uno grande in un piccolo acquario. Anche perchè si sta tentando di trattenere il pesce in un acquario più piccolo di lui.
Sto per sperimentare (e grazie a mia moglie, l'idea è venuta a lei, una gran bella idea) una soluzione alternativa: l'allargamento dell'acquario. Avevamo pensato di passare una settimana/dieci giorni in Grecia, normale turismo. Poi, l'idea: visto che abbiamo (anche) un Fiorino, perché non riempirlo di roba utile carpita alla Caritas (troppo lungo spiegare come possano riuscirci due agnostici) e non aggregarci ad una "spedizione di volontariato", organizzata da centri sociali ed altre associazioni, per portarla al campo profughi di Idomeni, stare qualche giorno lì a dare una mano, poi (visto che non abbiamo specializzazioni che ci renderebbero particolarmente utili, e non siamo neanche santi, né sùbito, né dopo) fare un giretto da turisti, per dare un modesto contributo, coi nostri euro, alla bistrattata economia greca?
Saranno gocce nel mare, ma un mare, senza gocce che lo alimentano, si riduce ad una pozzanghera.
E sarà, probabilmente, e paradossalmente, un'esperienza più utile a me che a loro, dal momento che prevedo un impatto mentale/interiore notevole, non fosse altro che per lo spiazzamento dei propri abituali meccanismi cerebrali che deriva, immancabilmente, dal contatto con altre realtà, interiori o esteriori (come in questo caso) che siano.
Un uso psichedelico della realtà, insomma (altro quasi paradosso).

E se non sono andato OT stavolta, vuol dire che non ci riuscirò mai più.
Auguri per il tuo viaggio, mi sembra un bella idea :chitarra:
Con una consapevolezza del genere io proverei a liberarmi un attimo da qualsiasi dipendenza, non perchè non sia bello avere un qualcosa che ci fa stare bene e quindi "schiavi", ma solo perchè mi farebbe piacere avere una visione per un attimo libera e aperta a tutto; soprattutto in un radicale cambio come il tuo

fish&trips
Messaggi: 40
Iscritto il: gio mar 31, 2016 7:08 pm

Domanda sulla cannabis...

Messaggio da fish&trips » gio apr 07, 2016 5:34 pm

ciao a tutti sono nuovo sul forum e avrei una domanda:

è possibile che fumando una canna ti risalga la botta di una canna di qualche giorno prima?
grazie in aticipo :weed: bella!

Rispondi