Esperienza impegnativa-forte con l’erba

Rispondi
Avatar utente
voyd_be
Messaggi: 4
Iscritto il: lun mag 27, 2019 12:30 pm

Esperienza impegnativa-forte con l’erba

Messaggio da voyd_be » mar mag 28, 2019 2:47 pm

Piccola premessa iniziale: questa esperienza risale a febbraio 2018 quindi potrei aver dimenticato qualcosa. Indipendentemente da questo mi è sempre rimasta nei meandri della memoria; ultimamente mi è ritornata in mente e ho deciso di condividerla

Autore: voyd_be
Sostanza: Marijuana
Quantità: dai 1.5 ai 2 grammi ca.
Set/Setting: A casa di amici / senza intenzione di fumare :paranoid:

Esperienza:
Era una serata di febbraio, io dovevo uscire con il mio amico (che chiamerò “B”) per andare a casa di un nostro amico.
Appena incontrato con B, resi noto a lui che quella sera avevo intenzione solo di stare in compagnia ma di non fumare, perché non ne avevo voglia. Lui annuì e partimmo.

Appena arrivati parlammo e mangiammo, parti inutili all’esperienza.

Il nostro amico e B decisero di rollare uno o due purini e andai in terrazzo con loro. Nel frattempo arrivarono altri due amici che si unirono a noi.
B mi consigliò di provare comunque quell’erba perché era davvero buona e non sarebbe ricapitato di trovarne altra. Decisi quindi di sbattermene dell’idea con il quale ero partito e feci dai 10 ai 12 tiri in totale.
Finito di fumare rimanemmo io e B in terrazzo.
Per i primi 5 minuti non sentii nulla di nulla, bevvi un po’ di pepsi e poi da un momento all’altro BOOM! Ero nella situazione che io definisco “la bolla”, dove sento il corpo mentale distaccato da quello fisico e i movimenti leggermente rallentati. In piena “botta” improvvisa che non mi aspettavo (anche perché scoprii giorni dopo che erano purini e non mista semplice come pensavo) iniziai a prendermi male, a pensare che una “botta” così non la volevo e iniziai a pensare al fatto che quella sera sarei stato malissimo, per la testa mi immaginavo l’ambulanza che mi veniva a prendere e i miei genitori in ospedale schifati da me, iniziai a sudare tantissimo e i peggiori pensieri che mi passavano per la testa iniziavano a concatenarsi in un loop senza fine. Chiesi a B se stessi sudando, lui mi tocco la fronte e mi disse che ero normale (giorni dopo mi disse che l’aveva fatto solo per non farmi prendere ulteriormente male, ma in realtà ero in acqua). Poco dopo iniziai a sentire un dolore (prettamente mentale e non fisico) provenire dal petto e lo dissi a B, che chiamò il nostro amico. Appena arrivò, notai che non riuscivo a vedergli la faccia, occhi e bocca erano come coperti (come quando si fissa per tanto il sole e poi si guarda altrove), l’alone che li copriva era lo stesso effetto che c’è nelle tv di una volta quando non prendono i canali, ovvero pallini grigi neri e bianchi. Il nostro amico mi chiese se stessi bene e io continuavo a rispondere di no ed ero come spaesato. In un attimo arrivai all’apice (secondo me), la granulina che non mi faceva vedere le facce, si allargò a tutta la vista come se avessi una tv non funzionante spiaccicata sulla faccia, in quel momento ciò che dicevano gli altri non avevo concentrazione per sentirlo e sentivo il corpo distaccarsi ancora un po’ di più. In un attimo tornai “da questa parte”, con ancora l’effetto “bolla” presente. B mi iniziò a chiedermi cose sulla mia vita per farmi pensare ad altro e questo mi aiutò molto a far scendere la “botta” e in quel momento nella mia mente si visualizzo una sorta di grafico della “botta” dove mi mostrava che più parlavo più scendeva (ma ribadisco che era mentale non tipo visual).
Una volta cessata la parte pensante della “botta” passai dalla paura ad uno stato euforico pazzesco dove dissi a B qualcosa del genere: “Cazzo ma è stato pazzesco, era come se il mio corpo si fosse staccato, fosse salito, avesse visto le stelle da vicino (qua intendevo il granulino della tv) e poi fossi tornato in me! Che figata”. B non sapeva se credermi o meno visto che mi vide spaventato tutto il tempo e poi euforico da un momento all’altro, così tornammo dentro e mi buttai sul divano, dove l’unica cosa era che sentivo lo stomaco scivolare dentro il divano (ero disteso).
Scesa completamente la botta, tornai a casa normale senza ne paura ne euforia e l’indomani mi svegliai normale senza postumi negativi o positivi.

Ho deciso di condividere con voi questa esperienza per sapere se anche qualcun altro ha avuto esperienze simili con l’erba, dato che tuttora mi sembra ancora strano aver provato quella forte sensazione, come di aver toccato il cielo, con solo dell’erba.

Grazie per la lettura.

Voyd_be

https://www.visionecurativa.it/

alechiave
Messaggi: 34
Iscritto il: ven apr 26, 2019 3:32 pm

Re: Esperienza impegnativa-forte con l’erba

Messaggio da alechiave » mar mag 28, 2019 3:52 pm

Interessante, a me non è mai successo un'esperienza di questo tipo ma mi è capitato di avere una specie di calo di pressione ( non so se si trattasse proprio di questo) proprio questo inverno. Stavo fumando come sempre con degli amici in una casetta in legno che ci siamo costruiti fuori da casa sua per passare le serate, ad un certo punto sento che mi sto per spegnere, per la prima volta credo di aver sperimentato come ci si sente in punto di morte. Sono andato a sedermi fuori, ero in maniche corte seduto con meno di 0 gradi, avevo caldissimo, la vista era sempre più annebbiata e anche i suoni non mi erano chiari. Mi è passato tutto dopo poco quando mi hanno dato qualcosa da mangiare e da bere. Non un'esperienza carina ma interessante

Avatar utente
Blind
Messaggi: 46
Iscritto il: dom mag 26, 2019 5:55 pm

Re: Esperienza impegnativa-forte con l’erba

Messaggio da Blind » mar mag 28, 2019 3:58 pm

Consumo erba quotidianamente da molti anni e non ho mai avuto esperienze di questo genere. Però ricordo che una sera circa 7/8 anni fa come di abitudine quando avevo erba fumavo uno/due joint prima di coricarmi e chiudendo gli occhi cominciarono a scorrere immagini velocissime e coloratissime nella mia testa finchè non è apparsa la pelata del mio prof di economia aziendale di quel tempo, il riflesso sulla sua testa fu cosi forte che mi sentii come colpire forte dentro la testa. Ho dovuto riaprire gli occhi e alzarmi dal letto. :asd:
Anarchism does not mean violence, chaos, disorder or destruction, does mean peace, equality, freedom, cooperation, sharing, justice and no more racism.

Irony(n.)- drawing trees on paper.

Avatar utente
voyd_be
Messaggi: 4
Iscritto il: lun mag 27, 2019 12:30 pm

Re: Esperienza impegnativa-forte con l’erba

Messaggio da voyd_be » mar mag 28, 2019 9:44 pm

alechiave ha scritto:
mar mag 28, 2019 3:52 pm
Interessante, a me non è mai successo un'esperienza di questo tipo ma mi è capitato di avere una specie di calo di pressione ( non so se si trattasse proprio di questo) proprio questo inverno. Stavo fumando come sempre con degli amici in una casetta in legno che ci siamo costruiti fuori da casa sua per passare le serate, ad un certo punto sento che mi sto per spegnere, per la prima volta credo di aver sperimentato come ci si sente in punto di morte. Sono andato a sedermi fuori, ero in maniche corte seduto con meno di 0 gradi, avevo caldissimo, la vista era sempre più annebbiata e anche i suoni non mi erano chiari. Mi è passato tutto dopo poco quando mi hanno dato qualcosa da mangiare e da bere. Non un'esperienza carina ma interessante
Su certi aspetti è stato simile, sicuramente la ritengo una delle esperienze che mi ha fatto molto pensare anche mesi dopo per ciò che avevo vissuto. Non saprei definire ora se fosse una sorta, anche piccola, di “pre-morte” però per il periodo che stavo passando era forte :roll:
Blind ha scritto:
mar mag 28, 2019 3:58 pm
Consumo erba quotidianamente da molti anni e non ho mai avuto esperienze di questo genere. Però ricordo che una sera circa 7/8 anni fa come di abitudine quando avevo erba fumavo uno/due joint prima di coricarmi e chiudendo gli occhi cominciarono a scorrere immagini velocissime e coloratissime nella mia testa finchè non è apparsa la pelata del mio prof di economia aziendale di quel tempo, il riflesso sulla sua testa fu cosi forte che mi sentii come colpire forte dentro la testa. Ho dovuto riaprire gli occhi e alzarmi dal letto. :asd:
Ahahahahahah, immagino lo shock :lol:

Slimy
Messaggi: 24
Iscritto il: sab gen 06, 2018 9:01 pm

Re: Esperienza impegnativa-forte con l’erba

Messaggio da Slimy » dom giu 16, 2019 3:35 pm

Ho deciso di condividere con voi questa esperienza per sapere se anche qualcun altro ha avuto esperienze simili con l’erba...
A me successe una cosa quasi simile.

Un mio amico mi portò 3 purini, in quel momento non sapevo quale fosse stato il mio limite perché non sono mai andato oltre il terzo tiro fumando con miei compagni di classe, sempre 1-2. Quella sera però ne feci 7, quindi 5-6 in più. Nei primi 5 minuti, niente di niente, altri 3 minuti e la sentivo salire. Al nono e decimo minuto, puoi solo che immaginare. In pratica ho detto al mio amico di andare in camera da letto, perché eravamo in bagno chiusi dentro. Chiusi non a chiave. Appena andati in camera da letto, sedendomi sul letto, iniziò a salire sempre di più. Il mio amico tirò fuori un Mars, e da lì ciao ciao. Ti spiego cosa mi successe, in dettaglio, per farti capire meglio. Quando questo mio amico mi chiese se volevo un Mars, non sapevo più come e cosa rispondere, sono restato in silenzio fino a quando non ho ripreso il controllo di me stesso. Alla domanda se ne volevo uno, oltre a non sapere come e cosa rispondere, ho fatto una risatina, sguardo in basso fisso nel vuoto e poi il nulla. Faccia completamente spenta. Io sentivo il mio amico chiedermi come mai io sia triste, non riuscivo a rispondere. Come se fossi impossibilitato da qualcosa. Incapace completamente di dire anche una sola lettera. Poi, il mio cervello iniziò a "scattare" una foto di quello che vedevo e riproporla in loop, come una sorta di presentazione di Power Point. Vedevo letteralmente la diapositiva dell'ambiente venir cambiato. Poi giravo la testa, guardavo il mio amico, ed era come se non lo avessi neanche visto quando muovevo lo sguardo. Perché questo cambio di "diapositiva" era così veloce, circa 500-800 ms, che non mi accorgevo di nulla. Oltre al fatto che a volte alcune cose si sovrapponevano. E a parte il mio cuore a battere più veloce di una Lamborghini in pista.
Se non hai capito alcune cose, chiedimi pure. Forse mi sarò dimenticato qualcos'altro nella storia ma l'importante è dirti che, anche se capitano certe cose, di accettarle, perché chiamasi appunto esperienze. Brutte o belle, non esiste, le esperienze devono farti crescere, e farti capire. Soggettivamente però a me è piaciuta molto quell'esperienza, è stata una cosa stupenda, anche se in quel momento... meh.. hahaha
Edit: come te mi sentivo in una bolla, dissociato dalla realtà.

Rispondi