Heimia salicifolia (Sinicuichi)

Discussioni generiche sulle piante
Rispondi
Avatar utente
Renegade
Messaggi: 46
Iscritto il: gio apr 28, 2016 9:25 pm

Heimia salicifolia (Sinicuichi)

Messaggio da Renegade » sab apr 30, 2016 12:43 am

sun-opener-sinicuichi-heimia-salicifolia.jpg
E' semisconosciuta e dagli effetti incerti, i pareri di chi ha avuto il piacere d'incontrarla sono spesso discordanti: vi presento la signora Heimia salcifolia, anche detta sun opener o Sinicuichi (anche se credo che questo nome definisca la bevanda che si ottiene dalle foglie della signorina Heimia).
Cresce spontaneamente nell' America del sud e gli indigeni le attribuiscono proprietà magiche: la usano per ricordare nel dettaglio eventi remoti.

PRINCIPI ATTIVI
Contiene molti alcaloidi: deidrodecodina, lifolina, nesodina, litridina, eimidina e un alta concentrazione di vertina.

USO
Non è ben chiaro il metodo con cui viene usata dagli indigeni, si dice che tradizione vuole che le foglie secche vengano tritate e lasciate macerare al sole per ventiquattro ore, dopodichè si scarta il materiale organico e si beve l'amaro risultato della macerazione. Alcuni shop che vendono questa misteriosa tipa consigliano di fare semplicemente un tè con 10g, su erowid c'è chi ha provato persino a far bollire il materiale organico per venti minuti e chi consiglia di fumarla ergo nessuno sa esattamente come maneggiarla!

EFFETTI
Il botanico Calderón fu il primo a parlare degli effetti allucinogeni della pianta dicendo che a livello visivo tutto viene percepito con una sfumatura di giallo e ogni suono viene udito come se provenisse da lontano. Per quanto riguarda la sua tossicità non sono state condotte ricerche, ma molti lamentano forte nausea, debolezza e dolori insopportabili dopo l'assunzione (tra questi un utente del vecchio forum: psyco39)

CURIOSITA'
Si presume che i fiori presenti sulla famosa statua del dio azteco Xochipilli siano proprio quelli dell’Heimia salicifolia.
dd.JPG
Che dire? Un po' di curiosità la suscita. Io l'ho provata due volte ma come esperienze non sono state delle più entusiasmanti...Ritengo che la causa dei fallimenti sia dovuta ad errati metodi di preparazione e assunzione, sarebbe interessante provare ad estrarre la vertina tenendo presente che questa non è solubile in acqua!

Voi che ne pensate? Qualcuno ha avuto il piacere di conoscerla?
Ultima modifica di Renegade il mar mag 03, 2016 11:12 am, modificato 1 volta in totale.

https://www.visionecurativa.it/

Avatar utente
Kundalini
Messaggi: 77
Iscritto il: lun apr 18, 2016 11:57 am

Re: Heimia salicifolia (Sinicuichi)

Messaggio da Kundalini » sab apr 30, 2016 8:53 am

L' ho provata tre giorni fa facendo bollire l' erba tritata per una mezz' oretta. Il sapore é orribile, mai sentito qualcosa di piu disgustoso e mi ricorda vagamente il Kratom. Comunque ho assunto 10g ma oltre a un senso di stanchezza e sonno non ho riscontrato effetti..a breve proverò a fare fermentare al sole 15g e poi farci una tisana, sperando di riscontrare qualche effetto!
"Sii il cambiamento che vorresti vedere nel mondo"

Avatar utente
Renegade
Messaggi: 46
Iscritto il: gio apr 28, 2016 9:25 pm

Re: Heimia salicifolia (Sinicuichi)

Messaggio da Renegade » sab apr 30, 2016 9:55 am

Kundalini ha scritto:L' ho provata tre giorni fa facendo bollire l' erba tritata per una mezz' oretta. Il sapore é orribile, mai sentito qualcosa di piu disgustoso e mi ricorda vagamente il Kratom. Comunque ho assunto 10g ma oltre a un senso di stanchezza e sonno non ho riscontrato effetti..a breve proverò a fare fermentare al sole 15g e poi farci una tisana, sperando di riscontrare qualche effetto!
L'ho provata in ambedue i modi riscontrando solo nausea, senso di debolezza, un po' di ridarella (forse non attribuibile alla sostanza) e uno strano vuoto di memoria (quest'ultimo effetto solo la prima volta che l'ho assunta)...Ripeto, secondo me è sbagliato il metodo d'assunzione dato che il principio attivo di cui è maggiormente composta non è solubile in acqua....Per quanto riguarda il sapore :drink: concordo in pieno con te :?

Avatar utente
Kundalini
Messaggi: 77
Iscritto il: lun apr 18, 2016 11:57 am

Re: Heimia salicifolia (Sinicuichi)

Messaggio da Kundalini » lun mag 02, 2016 10:53 pm

Io però come metodi di assunzione so solo quello in tisana o fermentato al sole..dici che possa essere assunta in altri modi??
"Sii il cambiamento che vorresti vedere nel mondo"

Avatar utente
Kundalini
Messaggi: 77
Iscritto il: lun apr 18, 2016 11:57 am

Re: Heimia salicifolia (Sinicuichi)

Messaggio da Kundalini » lun mag 02, 2016 10:55 pm

Comunque anche io ho avuto un gran senso di nausea che mi é durato un' oretta e mezza, a breve provo 15 grammi e vorrei trovare altri modi per assumerla, sperando di avere qualche effetto :D
"Sii il cambiamento che vorresti vedere nel mondo"

Avatar utente
Renegade
Messaggi: 46
Iscritto il: gio apr 28, 2016 9:25 pm

Re: Heimia salicifolia (Sinicuichi)

Messaggio da Renegade » mar mag 03, 2016 1:05 am

Kundalini ha scritto:Io però come metodi di assunzione so solo quello in tisana o fermentato al sole..dici che possa essere assunta in altri modi??
Dico proprio di si. Il primo botanico che ha indagato sugli effetti allucinogeni della pianta in Messico parla d'aver vissuto "meraviglie" con gli intrugli della gente del luogo, ma quando ha provato a replicare la pozione facendo un decotto e portando ad ebollizione 15g di materiale organico non ha riscontrato gli stessi effetti; lui attribuisce l'insuccesso al dosaggio, troppo basso...
Kundalini ha scritto:Comunque anche io ho avuto un gran senso di nausea che mi é durato un' oretta e mezza, a breve provo 15 grammi e vorrei trovare altri modi per assumerla, sperando di avere qualche effetto :D
Com'è andata? Io tempo fa ho provato a farla fermentare al sole per due giorni senza bollirla: 2 barattoli di 10g l'uno, il primo chiuso ermeticamente, il secondo coperto solo con una garza per evitare che vi entrassero insetti (ero curioso di notare le differenze ed avevo materiale da sprecare) ma ho fatto l'errore di non berle d'un sorso (cosa che ho fatto al primissimo esperimento, quando ho bollito 15g), errore che potrebbe aver compromesso l'intera l'esperienza. Il risultato del primo barattolo(un liquido color fango) faceva proprio schifo, il secondo (liquido più chiaro del precedente, quasi gliallo scuro) era più bevibile e gli unici effetti che ho riscontrato sono stati euforia e uno strano senso di leggerezza, niente di più.
Per quanto riguarda il primo test: ho bollito le foglie per 20 minuti e le ho lasciate riposare altrettanti replicando la procedura eseguita da un'utente di erowid. Una volta fumato un joint per sondare il terreno e ingerito l'intruglio riuscendo con immenso stupore a sopravvivere al saporaccio mi sono sentito molto rilassato e un po' rincoglionito, cercavo di notare altri strani cambiamenti in me ma non riuscendoci ho deciso di godermi quel senso di leggerezza sdraiandomi sul letto e...un ora di vuoto totale. Non so spiegarmi bene la dinamica di quello che è successo dopo: la mia ragazza è entrata in camera mia ed io non solo ero sveglio ma sapevo anche che sarebbe entrata, com'è potuto succedere? Ipotesi: o, pur non avendone memoria, in dormiveglia ho sentito il citofono o non mi sono mai addormentato e sono rimasto imbambolato sul letto senza rendermi conto dello scorrere del tempo, non sono riuscito a capire allora cosa fosse successo e non ci riesco nemmeno adesso. Il brutto dell'esperienza è arrivato dopo, quando abbiamo avuto la brillante idea di cenare: mentre cucinavo mi sentivo molto più stordito che rilassato, "non fare il pappamolle,che sarà mai qualche sbandamento!" mi dicevo, poi ho mangiato il primo boccone di pollo...Nausea, più mangiavo più avvertivo lo stesso disaggio che si prova alla bocca dello stomaco quando si va sulle montagne russe, non era semplice malessere e nemmeno un violento attorcigliarsi delle budella, era peggio! Considera che sono il tipo di persona che di norma "non asseconda questo genere di malesseri" ma l'ignora, solo che quella volta non mi è stato possibile, erano anni che non provavo vera nausea e non mi mancava per niente!
Sopravvivo alla cena, non rimetto e dopo un'ora seduto sul divano davanti ad un telefilm comincio a sentirmi meglio e provare una forte sonnolenza;mi addormento poco dopo.

Come già ho scritto, non reputo nessuna delle mie esperienze con l' Heimia soddisfacente ma sarei uno sciocco a dire che la pianta "non funziona", innanzitutto perché sono convinto d'aver letteralmente sprecato 20g quando l'ho assunta a più riprese e in secondo luogo perché è una semisconosciuta e bisogna fare più test eseguiti con cognizione di causa se si vuole avere un'opinione non campata per aria, tre col valore di mezzo sono pochi.
http://www.psychonaut.com/esperienze/51 ... ienza.html Psyco ha avuto un'eperienza del tutto diversa dalle nostre con soli 10g, possibile che a fare la differenza sia stato il succo di limone? Questo mi fa venir voglia di tentare una tintura madre corretta con limone
Ultima modifica di Renegade il mar mag 03, 2016 2:14 am, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Renegade
Messaggi: 46
Iscritto il: gio apr 28, 2016 9:25 pm

Heimia Salicifolia

Messaggio da Renegade » mar mag 03, 2016 12:58 pm

Per amor del forum, che qualcuno mi curi l'asinaggine.
Dato che sapere è potere l'altro giorno raccoglievo informazioni sulla Sinicuichi per poi aprire un thread qui; di norma si fanno dei decotti o roba simile per assumerla. :drink: Io stesso in passato l'ho trattata così, ma leggendo le caratteristiche fisico chimiche del principio attivo più presente in essa sono venuto a sapere che questo (vertina) è solubile in cloroformio, cloruro di metilene, benzene e metanolo, non in acqua. A quel punto il Renegade beffardo ed insinuatore che è in me è scoppiato in una grossa risata dicendo:- "quanto sei stupido? :twisted: Hai giocato a bagnare l'erbetta e bere fango inutilmente perché il principio attivo è rimasto nelle foglie!"
Quello più pacato ferito nell'orgoglio ha risposto:- " :evil: Innanzitutto della vertina si sa che ha un effetto sedativo, è probabile che le allucinazioni siano dovute agli altri alcaloidi di cui, guarda un po', non si conosce la solubilità", a questo punto è intervenuto il Renegade obbiettivo:- " :roll: chi vi dice che il fatto che un principio attivo non sia idrosolubile non riguardi esclusivamente l'estrazione di quest'ultimo? Ci dev'essere un motivo se chiunque assuma questa benedetta sostanza lo fa' previo decotto :paranoid: ... In ogni caso la verità è che la chimica l'avete studiata da breaking bad, non ne capite una mazza e, se vogliamo fare le persone serie, dobbiamo chiedere a chi ne sa più di noi"
Eccomi qui dunque, qualcuno sarebbe così gentile da aiutarmi a far chiarezza in questa testolina bacata che mi ritrovo?
Ultima modifica di Renegade il mar mag 03, 2016 1:46 pm, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
Aryaman
Messaggi: 1238
Iscritto il: sab set 12, 2015 6:52 pm

Re: Per amor del forum, che qualcuno mi curi l'asinaggine

Messaggio da Aryaman » mar mag 03, 2016 1:38 pm

Ciao,
INTRO
1) intanto grazie per avermi fatto "scoprire" questa pianta (in realtà la conoscevo da tempo ma l'avevo proprio dimenticata). Come l'hai trovata, funziona?
2) Puoi per favore editare il titolo così che si capisca di cosa stiamo parlando?
3) Sposto in Piante

VERSO
Con una veloce ricerca ho visto che il principio attivo che dici, la Vertina, è un alcaloide lattonico.
Ora, è vero che come base libera è solo solubile in cloroformio ecc, ma nella pianta un alcaloide non lo trovi mai come base, sempre come sale, e i sali sono tutti solubili in acqua per definizione, quindi un infuso va più che bene.

Trovo piuttosto interessante che su wikipedia sia riportato che non ha riportato effetti psicoattivi sugli umani. Magari chi lo ha scritto ha usato una sola ricerca vecchia, a qualcuno va di approfondire su pubmed?

RITORNELLO

Renegade, perché non ci scrivi una pagina sulla wiki su questa pianta? Sembra molto interessante =)

Spero sia tutto chiaro

Avatar utente
Renegade
Messaggi: 46
Iscritto il: gio apr 28, 2016 9:25 pm

Re: Heimia salicifolia, dubbi sugli alcaloidi

Messaggio da Renegade » mar mag 03, 2016 2:33 pm

Aryaman ha scritto:Ciao,
INTRO
1) intanto grazie per avermi fatto "scoprire" questa pianta (in realtà la conoscevo da tempo ma l'avevo proprio dimenticata). Come l'hai trovata, funziona?
2) Puoi per favore editare il titolo così che si capisca di cosa stiamo parlando?
3) Sposto in Piante

VERSO
Con una veloce ricerca ho visto che il principio attivo che dici, la Vertina, è un alcaloide lattonico.
Ora, è vero che come base libera è solo solubile in cloroformio ecc, ma nella pianta un alcaloide non lo trovi mai come base, sempre come sale, e i sali sono tutti solubili in acqua per definizione, quindi un infuso va più che bene.

Trovo piuttosto interessante che su wikipedia sia riportato che non ha riportato effetti psicoattivi sugli umani. Magari chi lo ha scritto ha usato una sola ricerca vecchia, a qualcuno va di approfondire su pubmed?

RITORNELLO

Renegade, perché non ci scrivi una pagina sulla wiki su questa pianta? Sembra molto interessante =)

Spero sia tutto chiaro
Ciao grande capo, innanzitutto grazie a te per avermi chiarito le idee, è stato condotto uno studio sull'uomo riguardo le proprietà della suddetta somministrando ai soggetti i vari alcaloidi in tempi diversi e in effetti si sono riscontrati solo effetti sedativi e diuretici, in precedenza però un certo Victor Reko ne condusse un'altro seguendo non so quali parametri e arrivando a concludere che la sostanza ha effetti psicodislettici. Oltre a lui anche un botanico che ha studiato l'uso che se ne fa in Messico descrive una diversa percezione dei colori e dei suoni. Io ho provato la pianta ma non ho riscontrato effetti "strabilianti", ne parlo qua: http://forum.psiconauti.net/viewtopic.php?f=35&t=1559
Riguardo alla wiki, avevo già pensato di scrivere una pagina sull'Heimia e al più presto lo farò 8-)

Avatar utente
Kundalini
Messaggi: 77
Iscritto il: lun apr 18, 2016 11:57 am

Re: Heimia salicifolia (Sinicuichi)

Messaggio da Kundalini » mar mag 03, 2016 10:32 pm

Cavolo se 15g son pochi non so davvero come fare dato che mi son rimasti esattamente 15g! Eppure nello Smart dove l' ho comprato diceva che bastavano anche 10grammi in infusione, ma a me ha dato solo stanchezza, rincoglionimento e una gran nausea (e io di solito reggo bene la nausea con svariate sostanze :sbratto: ).. D:
Comunque ancora non ho provato a farlo fermentare sotto il sole, proverò a breve, ma ricordando il saporaccio penso che stavolta metterò davvero poco liquido almeno lo butto giu tutto d' un sorso ahah...
Renegade ha scritto: Questo mi fa venir voglia di tentare una tintura madre corretta con limone
Interessante, ci vorrei davvero provare, magari si riesce a testare l' effetto aumentando il numero di goccie (ho da poco fatto una tintura madre di Ginkgo Biloba e son rimasto davvero soddisfatto, chissà che non abbia successo col Sinicuichi eheh :asd: )
"Sii il cambiamento che vorresti vedere nel mondo"

Avatar utente
Renegade
Messaggi: 46
Iscritto il: gio apr 28, 2016 9:25 pm

Re: Heimia salicifolia (Sinicuichi)

Messaggio da Renegade » mar mag 03, 2016 10:41 pm

Sai che probabilmente compriamo dallo stesso smart shop? Cooomunque per adesso mi sto dedicando ad altre cose, ma prima o poi la tintura la provo, mi sono rimasti altri 50g ;)

Avatar utente
Kundalini
Messaggi: 77
Iscritto il: lun apr 18, 2016 11:57 am

Re: Heimia salicifolia (Sinicuichi)

Messaggio da Kundalini » mar mag 03, 2016 11:02 pm

Ahah eh si é molto probabile che sia lo stesso :D comunque fammi sapere appena la fai cosi se funziona mi adeguo di conseguenza ahah intanto ti farò sapere come va coi 15g fermentati!
"Sii il cambiamento che vorresti vedere nel mondo"

Avatar utente
Renegade
Messaggi: 46
Iscritto il: gio apr 28, 2016 9:25 pm

Re: Heimia salicifolia (Sinicuichi)

Messaggio da Renegade » mer mag 04, 2016 12:11 am

Kundalini ha scritto:Ahah eh si é molto probabile che sia lo stesso :D comunque fammi sapere appena la fai cosi se funziona mi adeguo di conseguenza ahah intanto ti farò sapere come va coi 15g fermentati!
Attendo tue notizie allora, buon lavoro collega 8-)

Mezc
Messaggi: 35
Iscritto il: ven feb 19, 2016 8:42 pm

Re: Heimia salicifolia (Sinicuichi)

Messaggio da Mezc » sab mag 07, 2016 11:10 am

Per quanto riguardano i metodi di assunzione qualcuno sa nulla? intendo al di là del classico infuso..
Io parlo molto bene spagnolo, e bazzicando sui forum latini, sembra che per esempio fumarla sia totalmente inutile , mentre altri descrivono effetti davvero interessanti, nonché un alternativo stato di "high" simil cannabis.. Anche sul vecchio psyconout avevo letto che vaporizzata dava degli effetti..
Io la settimana scorsa ho provato a farmi un purino con un po di damiana , e non mi pare di aver avvertito assolutamente nulla di significativo.. parliamo di qualcosa al limite del placebo.. (forse)
C'erano momenti in cui, sotto il dominio di questa idea fissa, arrivavo a un tal punto di follia, che mi voltavo rapidamente a guardare dietro di me, dalla parte opposta, nella speranza di cogliere alla sprovvista il vuoto lì dove io non c'ero.

Rispondi