ABBIAMO UN NUOVO SPONSOR, DM Tripson. Leggi il topic dell'annuncio per saperne di più

Il cammino di un’anima errante (edizione x poveri)

Rispondi
Avatar utente
Pregiudicato
Messaggi: 256
Iscritto il: lun ago 13, 2018 4:29 pm

Il cammino di un’anima errante (edizione x poveri)

Messaggio da Pregiudicato » mer dic 04, 2019 11:25 pm

04/12/19 - Aletheia (rubato il nome dall’album di Izi un cantante trap/rap...significato: RIVELAZIONE)

Prefazione (sono ripetitivo lo so)

Una volta completato il compito di matematica, mi dileguo con alcuni miei compagni verso l’uscita della scuola rollando un paio di canne di hash (fumo).
I compagni esattamente sono 4 ma non è importante per la narrazione quindi andate avanti a leggere.

Capitolo 1:
Fumiamo alla fine nel cortile dove presenziavano tigli rigogliosi che ci permettevano di godere dei colori della flora autunnale/invernale ormai poco presente nelle vuote cementa della societá.
Smatto, (Divento matto) come al solito quando fatico ad esprimermi (linguaggio alieno, chi lo sa?) e gli altri poco lucidi per comprendere.
Imparo due importanti lezioni più alcune che mi sono ricordato:
la prima era lupo che con una battuta mi ha fatto uscire un po’ dal mio mondo e capire che c’era un mondo da guardare e di “uscire dal loop paranoia” (comunque lui è un tossicone di weeda..è così, sono un ipocrita se lo dico dato che io lo stesso);
la seconda è sempre di questo che ha dato un consiglio pratico più fattibile che non ho pensato e lo ha attuato senza fare la checca(...ma con chi cazzo giro vi chiederete, ma dovreste porre la domanda a loro hahaha).
Portata a termine la missione ritorniamo trionfanti, dove ritiriamo le nostre cose, la plastica aula.


Capitolo 2:
Una volta usciti e dopo aver scherzato un po’ (anche se spesso mi sento a disagio quando interloquo con soci), ci separammo in due masse la mia composta da 3 che si diresse verso la stazione.
Dopo poco abbandono quest’ultimi in un baretto di peruviani, poco raccomandabili in fatto di caffè, il che mi rende triste dato che non ce lo vedevo bene il mio compagno riccone qui.
Ad un tratto,continuando il percorso verso la stazione che pareva morente ho un’esperienza psichelica al culmine che mi porta in un mood mentale totalmente differente, (alterego?) come una “guida”
dovremmo più o meno averla in mente tutti, soprattutto quelli strafatti di dogmi psycho), un pensiero vicino ma parallelo (lo so è un po’ un enigma hahaha) siccome possiedono delle similitudini ma allo stesso tempo divergenze assurde.
Gemme incastonate nell’Ossidiana prima impossibili da cogliere ora si scioglievano con il calore di casa smoke. Alcune stelle in un cielo dubbioso balzavano all’occhio e commuovevano la mia persona (anima?) come un bimbo senza madre.

Conclusione

Ho avuto rivelazioni personali “semi-importanti”, o perlomeno di cui mi dimentico spesso di attuarle nella mia vita
Intriso nel mood continuo a godere degli effetti artistici e riflessivi della amata compagna di viaggio, una battona...scherzo 😇☺️


Rispondi